Operazione San Gennaro. Il Tesoro della città

tesoro-di-san-gennaro
FacebookTwitterGoogle+LinkedInWhatsAppGoogle BookmarksPinterestPrintCondividi

Domenica 21 maggio, ore 10.15

Operazione San Gennaro. Il Tesoro della città

Appuntamento all’ingresso del Museo del Tesoro di San Gennaro, Via Duomo 149

PRENOTAZIONE OBBLIGATORIA- Contributo di partecipazione 8 € ( Non Comprende il biglietto d’ingresso al Museo)

Come magistralmente raccIMG_8645ontato da Dino Risi, in “Operazione San Gennaro” uno dei capolavori della stagione matura della commedia all’italiana, il tesoro di San Gennaro non è semplice corredo di gioielli e arredi liturgici ma è il tesoro stesso della città di Napoli. L’itinerario riscopre questo patrimonio artistico e antropologico nelle sale del Museo ad esso dedicato, inaugurato nel 2006.

 

 

Per contatti e prenotazioni*:
3494570346 – info@archeologianapoli.com
Prenota online su: http://archeologianapoli.com/itinerari/napoli.html

 

*La prenotazione va effettuata esclusivamente attraverso i canali sopra elencati entro e non oltre le ore 19.00  del giorno  che precede l’evento. Bisognerà indicare il cognome, il numero di persone per cui si intende prenotare e un numero cellulare di riferimento.

 

Napoli Medievale. Arte, bellezza e potere

image

Sabato 20 maggio, ore 10.30

Napoli Medievale. Arte, bellezza e potere

PRENOTAZIONE OBBLIGATORIA- Contributo di partecipazione 8€ (nel contributo di partecipazione NON è incluso il Biglietto d’ingresso al Complesso di Donnaregina)

Appuntamento in via Carbonara, davanti alla Chiesa di San Giovanni a Carbonara, ore 10.15
Il secondo itinerario dedicato alla Napoli Medievale e allo splendore dei cosiddetti “secoli bui” toccherà le chiese di San Giovannia Carbonara e Donnaregina Vecchia.

I due complessi, tra i più suggestivi di Napoli, mostrano cicli d’affreschi eccezionalmente conservati e le monumentali tombe di Maria d’Ungheria moglie di Carlo II d’Angiò e Ladislao di Durazzo.

I sensazionali apparati  decorativi e la peculiarità delle architetture, in particolare  Donnaregina, attraverso  messaggi, talvolta espliciti, manifestano il linguaggio del potere dei sovrani e ci raccontano la storia di Napoli dall’apogeo degli Angioni al declino della dinastia fino alla conquista aragonese.

 

 

Per contatti e prenotazioni*:
3494570346 – info@archeologianapoli.com
Prenota online su: http://archeologianapoli.com/itinerari/napoli.html

 

 

*La prenotazione va effettuata esclusivamente attraverso i canali sopra elencati entro e non oltre le ore 19.00  del giorno  che precede l’evento. Bisognerà indicare il cognome, il numero di persone per cui si intende prenotare e un numero cellulare di riferimento.

 

 

 

Parade. Picasso e le collezioni di Capodimonte

Parade cop

Sabato 29 Aprile, ore 16.30

Parade. Picasso e le collezioni di Capodimonte

 

PRENOTAZIONE OBBLIGATORIAcontributo di partecipazione 8 € (il contributo NON include il biglietto del Museo + Mostra)

Appuntamento, ore 16.15, davanti all’ingresso del Museo di Capodimonte

Per contatti e prenotazioni*:

infoline: 3494570346
email: info@archeologianapoli.com
Prenota direttamente su:

Prenota la visita al Museo

 

La Reggia di Capodimonte, voluta da Carlo di Borbone nel fitto bosco che domina dalla collina la città di Napoli, ospita l’appartamento reale e un Museo con una delle più importanti raccolte di opere d’arte d’Europa. Vi sono esposti dipinti di pittori italiani e internazionali dal Duecento ai giorni nostri, unico esempio in Italia: Tiziano, Caravaggio, Botticelli, Goya, Masaccio, Carracci, Bruegel, Mantegna, Morelli, Toma, Warhol, Burri e molti altri.

Oltre ad una selezione delle più importanti opere del Museo protagonista della visita sarà la mostra  “Picasso e Napoli. Parade” che ospita Parade la più grande opera di Picasso. Si tratta  di  un sipario di 17 metri di base per 10 di altezza, conservata al Centre Georges Pompidou di Parigi che, per le sue dimensioni, è stata esposta solo in rare occasioni. Avremo modo di ammirarla a Napoli, per la prima volta, nel suggestivo Salone delle Feste dell’Appartamento Reale di Capodimonte.

La mostra è l’appuntamento inaugurale dell’iniziativa Picasso-Mediterraneo del Musée national Picasso-Paris che celebra il centenario del viaggio in Italia compiuto, tra marzo e aprile del 1917, da Picasso insieme al poeta Jean Cocteau per lavorare con i Balletti Russi a Parade, balletto andato in scena a Parigi a maggio dello stesso anno, su soggetto dello stesso Cocteau e musica di Erik Satie e coreografia di Lèonide Massine.

*La prenotazione va effettuata esclusivamente attraverso i canali sopra elencati entro e non oltre le ore 19.00  del giorno  che precede l’evento. Bisognerà indicare il cognome, il numero di persone per cui si intende prenotare e un numero cellulare di riferimento.

 

 

Un palazzo che cammina… il Museo civico Gaetano Filangieri

sdr

Sabato 22 aprile, ore 10.30

Un palazzo che cammina… il Museo civico Gaetano Filangieri

Appuntamento alle ore 10.15, all’ingresso del museo civico Gaetano Filangieri, via Duomo 288

PRENOTAZIONE OBBLIGATORIA- Contributo di partecipazione 8 € a persona,  il contributo NON comprende il biglietto del Museo”

Itinerario alla scoperta di via Duomo e delle sue trasformazioni avvenute durante i lavori del Risanamento. Il percorso inizierà da uno dei musei più interessanti sito in via Duomo: il museo civico “Gaetano Filangieri” , che ha sede nel quattrocentesco palazzo Como, costruito tra il 1464 ed il 1490 dal ricco mercante Angelo Como (o Cuomo) nelle forme del Rinascimento fiorentino. Nel 1881- 82 per allargare la via fu demolito e ricostruito 20 metri più addietro. Il museo, inaugurato nel 1888, fu fortemente voluto dal suo ideatore, Gaetano Filangieri, principe di Satriano (1824-1892), uomo di grande personalità, viaggiatore, collezionista e amante delle “arti maggiori e minori”. Il Museo ospita in particolare collezioni d’arte applicata, splendide sculture e una pinacoteca. L’annessa biblioteca raccoglie pergamene e manoscritti originali dal 1234 al 1824. A dicembre 2015 è stata nuovamente aperta al pubblico, dopo un lungo restauro, la sala Agata Moncada, posta al primo piano e famosa per il pavimento maiolicato fatto realizzare dal Filangieri presso il Museo Scuole Officine, che fondò insieme a Palizzi e Morelli.

 

Per contatti e prenotazioni*:
3494570346 – info@archeologianapoli.com
Prenota online su: www.archeologianapoli.com

*La prenotazione va effettuata esclusivamente attraverso i canali sopra elencati entro e non oltre le ore 19.00  del giorno  che precede l’evento. Bisognerà indicare il cognome, il numero di persone per cui si intende prenotare e un numero cellulare di riferimento.

 

 

 

Rione Terra. Alla scoperta dell’antica Puteoli

capitolium2

Sabato 8 aprile, ore 10.30

Il Rione Terra. Alla scoperta dell’antica Puteoli

Appuntamento all’ingresso del Rione Terra, ore 10.15

PRENOTAZIONE OBBLIGATORIA- Contributo di partecipazione 10€ a persona, massimo 25 persone

Inizieremo la visita dalla cattedrale ritrovata riaperta dopo cinquant’anni dall’incendio che nella notte tra il 16 il 17 maggio 1964 la distrusse completamente, dove convivono i resti dell’antico tempio di Augusto e la cattedrale seicentesca in stile barocco voluta dal vescovo Càrdenas.
Visiteremo il “nascosto” percorso archeologico dell’antica Puteoli, camminando per il decumano di epoca della fondazione della colonia, tra le taberne del cardo di via san Procolo fino ad arrivare al panificio della città.

Per contatti e prenotazioni:
3494570346 – info@archeologianapoli.com
Prenota online su: http://archeologianapoli.com

 

Ad Carbonetum. San Giovanni a Carbonara e dintorni

SAM_1028_resize

Sabato 1 Aprile, ore 10.30

Ad Carbonetum. San Giovanni a Carbonara e dintorni

PRENOTAZIONE OBBLIGATORIA – contributo di partecipazione 8 €

Appuntamento ore 10.30 davanti alla chiesa di San Giovanni a Carbonara

 

Breve descrizione dell’iniziativa: Itinerario alla scoperta dell’antico Carbonarius, luogo ricco di storia e leggenda: l’acquedotto romano, la presa di Napoli da parte di  Belisario, gli amori della regina Giovanna, le giostre medievali, il parco di Re Ladislao, i capolavori d’arte e la memoria degli Angioini nella Chiesa di San Giovanni a Carbonara, i nobili napoletani, S. Sofia e il capolavoro del barocco napoletano, la chiesa dei Santi Apostoli. Ammireremo una rassegna di splendide opere d’arte da Trecento al Settecento.

 

Per contatti e prenotazioni:
3494570346 – info@archeologianapoli.com
Prenota online su: http://archeologianapoli.com/itinerari/napoli.html

*La prenotazione va effettuata esclusivamente attraverso i canali sopra elencati entro e non oltre le ore 19.00  del giorno  che precede l’evento. Bisognerà indicare il cognome, il numero di persone per cui si intende prenotare e un numero cellulare di riferimento.

 

 

 

 

Archeologia dell’Antica Cuma

ANTRO2

Domenica 02 Aprile, ore 11.00

Archeologia dell’Antica Cuma

Appuntamento all’ingresso degli scavi di Cuma, ore 10.45
PRENOTAZIONE OBBLIGATORIA- Contributo di partecipazione 10 €

 

Il parco archeologico di Cuma, uno dei siti archeologici più importanti del golfo di Napoli, comprende i resti della prima delle colonie di popolamento greche in Occidente, fondata nella seconda metà dell’VIII secolo a.C. da Euboici-Calcidesi. La visita comprenderà in particolare i resti dell’acropoli dell’antica città, a partire dal celebre “Antro della Sibilla”, riferito dalla tradizione al culto oracolare di Apollo ma sorto quasi certamente per scopi difensivi, e la galleria, nota come Crypta Romana o “grotta di Cocceio”, con la quale si collegò in età tardo-repubblicana il porto di Cuma col Portus Iulius sui laghi d’Averno e di Lucrino, di recenti riaperti al pubblico. Inoltre si ammireranno i resti dei due grandi templi testimoni della fase greca della città, trasformati in chiese nel Medioevo: sulla terrazza più bassa il tempio di Apollo, sottoposto ad un rifacimento romano in età augustea, e, sulla cima più alta dell’acropoli, il secondo tempio, detto (senza certezza) di Giove.

 

Per contatti e prenotazioni**:
3494570346 – info@archeologianapoli.com
Prenota online su: http://archeologianapoli.com/itinerari/napoli.html

**La prenotazione va effettuata esclusivamente attraverso i canali sopra elencati entro e non oltre le ore 19.00  del giorno  che precede l’evento. Bisognerà indicare il cognome, il numero di persone per cui si intende prenotare e un numero cellulare di riferimento.

L’Archeologia dei Borbone al Museo di Napoli

MANN

Domenica 02 Aprile, ore 16.45

L’Archeologia dei Borbone al Museo di Napoli

 

Appuntamento allo scalone esterno del Museo, ore 16.30
PRENOTAZIONE OBBLIGATORIA- Contributo di partecipazione 8 € ( biglietto d’ingresso al Museo gratuito) (massimo 20 persone)

La visita la Museo Archeologico Nazionale di Napoli, in occasione della prima domenica del mese, sarà dedicata all’Archeologia dei Borbone, ossia alle incredibili scoperte effettuate nei siti vesuviani a partire dal 1738, quando,  per volere di Carlo di Borbone, furono iniziati gli scavi dell’ antica Herculaneum, a cui seguirono nel 1748 quelli di Pompei e Stabiae.

Le preziose Antichità di Ercolano e Pompei andarono ad arricchire le collezioni del Re  alla Reggia di Portici, dove fu istituito il Museo Ercolanese (1758). Esse giunsero al Real Museo Borbonico dal 1816, l’attuale Museo Archeologico Nazionale di Napoli.

Visiteremo le straordinarie collezioni di statue, affreschi e mosaici provenienti dalle città sepolte dal Vesuvio che, insieme agli oggetti di uso quotidiano (vetri, bronzi, argenti), fanno del Museo di Napoli uno dei più importanti al mondo.

Attraverso le sale del Museo, rivivremo lo splendore delle città sepolte dal Vesuvio e assaporeremo la grandezza e il fervore artistico e intellettuale della  corte di Carlo III, che ebbe un ruolo fondamentale nella diffusione delle Antichità di Ercolano e Pompei ha influenzato la cultura europea.

Per contatti e prenotazioni**:
3494570346 – info@archeologianapoli.com
Prenota online su: http://archeologianapoli.com/itinerari/napoli.html

**La prenotazione va effettuata esclusivamente attraverso i canali sopra elencati entro e non oltre le ore 19.00  del giorno  che precede l’evento. Bisognerà indicare il cognome, il numero di persone per cui si intende prenotare e un numero cellulare di riferimento.

 

 

 

 

Archeologia dell’Antica Capua

Anfi copertina

Domenica 19 Marzo, ore 10.30

Archeologia dell’Antica Capua

Appuntamento all’ingresso dell’Anfiteatro, ore 10.15
PRENOTAZIONE OBBLIGATORIA- Contributo di partecipazione 10 € (NON include il biglietto d’ingresso al Museo*)

 

La moderna città di Santa Maria Capua Vetere sorge dove nel luogo in cui nel IX sec. a.C. gli Etruschi fondarono l’antica Capua, che nel periodo romano fu una metropoli molto prospera e popolosa, tanto da essere chiamata da Cicerone “la seconda Roma”. Del suo passato glorioso si conserva innanzitutto l’Anfiteatro Campano, prima tappa del percorso, secondo per grandezza solo al Colosseo, al quale probabilmente servì come modello, che venne costruito attorno al III secolo a. C., ma rifatto dall’imperatore Adriano nel 119 e abbellito da Antonino Pio. Nei pressi dell’Anfiteatro sorge il Museo dei gladiatori, aperto nel 2003, nel quale sono mostrati gli elementi superstiti della decorazione dell’Anfiteatro Campano ed è inoltre allestita una rappresentazione meccanica di un combattimento gladiatorio. La visita proseguirà nel Museo Archeologico dell’Antica Capua, nel quale sono esposti  i materiali messi in luce nel corso degli scavi effettuati nella seconda metà del XX secolo nel territorio dell’antica Capua, che vanno dall’età del Ferro (900-850 a.C.) al periodo sannita (V-IV secolo a.C.) e a quello romano. Infine, si visiterà il Mitreo, rinvenuto casualmente nel 1922 durante lo scavo per la costruzione di un edificio, uno dei monumenti meglio conservati tra quelli adibiti al culto del dio persiano Mitra, risalente al II-III secolo d.C., nel quale si conservano interessanti affreschi e, lungo le pareti, i posti a sedere per gli adepti che partecipavano ai riti.

 

Per contatti e prenotazioni**:
3494570346 – info@archeologianapoli.com
Prenota online su: http://archeologianapoli.com/itinerari/napoli.html

**La prenotazione va effettuata esclusivamente attraverso i canali sopra elencati entro e non oltre le ore 19.00  del giorno  che precede l’evento. Bisognerà indicare il cognome, il numero di persone per cui si intende prenotare e un numero cellulare di riferimento.

*Il costo del biglietto di ingresso cumulativo per accedere ai quattro siti che si visiteranno, non incluso nel contributo, è di € 2,50 per gli adulti, di € 1,25 per i giovani tra i 18 e i 25 anni, studenti ed insegnanti, gratuito per i bambini e i ragazzi fino a 17 anni

Cronache dello splendore di un Regno. Salvatore Fergola

Fergola

Cronache dello splendore di un Regno. Salvatore Fergola

Domenica 12 marzo ore 10.30

PRENOTAZIONE OBBLIGATORIA – contributo di partecipazione 8 € (il contributo NON include il biglietto del Museo*)

 Appuntamento, ore 10.15, all’ingresso di Palazzo Zevallos, via Toledo, 185

La visita sarà dedicata alla scoperta del Palazzo Zevallos Stigliano, costruito su disegno di Cosimo Fanzago tra il 1637 ed il 1639, per volere di Giovanni Zevallos. Si tratta di un palazzo dalla storia complessa, passato di mano in mano fino al definitivo acquisto da parte della  Banca Commerciale Italiana (oggi Intesa Sanpaolo) che affidò la ristrutturazione all’architetto Luigi Platania.

Oltre ad ammirare lo splendido palazzo, visteremo collezione permanente che consta di  120 opere dal Seicento al Novecento, tra cui  il Martirio di Sant’Orsola, l’ultima opera eseguita a Napoli da Caravaggio.

Particolare riguardo sarà dato alla mostra dedicata ad un pittore della corte di Francesco I e di Ferdinando II di Borbone, Salvatore Fergola. Si tratta di più di 60 dipinti, in cui il pittore e cronista, racconta dettagliatamente il  progresso avviato dai sovrani, come nel bellissimo dipinto “Inaugurazione della strada di ferro eseguita in Napoli nell’ottobre 1839”, ovvero l’avvio della prima ferrovia in Italia, ci racconta di un Regno, quello dei Borbone, al massimo dello splendore.

 

Per contatti e prenotazioni*:
3494570346 – info@archeologianapoli.com
Prenota online su: http://archeologianapoli.com/itinerari/napoli.html

 

 

* Biglietto, 5 euro/ ridotto 3

**La prenotazione va effettuata esclusivamente attraverso i canali sopra elencati entro e non oltre le ore 19.00  del giorno  che precede l’evento. Bisognerà indicare il cognome, il numero di persone per cui si intende prenotare e un numero cellulare di riferimento.

1 2 3 4 7