Nero Napoletano

Share

NERO NAPOLETANO

ArcheologiaNapoli & VIVIQuartiere

Sabato 3 Novembre, ore 20.30

PRENOTAZIONE OBBLIGATORIA- contributo di partecipazione €8 a persona

Appuntamento alle ore 20.30 in Piazzetta Pietrasanta, lungo via Tribunali (di fronte all’Istituto Diaz)

 Un percorso nel cuore antico di Napoli, che attraverso il gioco del lotto e la cabala, racconterà Virgilio Mago, il fantasma di Maria d’Avalos, il Principe di Sansevero, le ianare ed il diavolo maiale, le “anime do priatorio”tra folklore ed antropologia, religiosità e superstizione, esoterismo e mistero.

 

Per contatti e prenotazioni*:

ArcheologiaNapoli
3494570346 – info@archeologianapoli.com
Prenota direttamente su: www.archeologianapoli.com

Viviquartiere: 3396304072

*La prenotazione va effettuata esclusivamente attraverso i canali sopra elencati entro e non oltre le ore 19.00  del giorno  che precede l’evento. Bisognerà indicare il cognome, il numero di persone per cui si intende prenotare e un numero cellulare di riferimento.

 

Lapis. I Segreti della Pietrasanta

Share

Sabato 14 Luglio, ore 11.00

Lapis. I segreti della Pietrasanta

Un percorso sotterraneo nella storia di Napoli

Appuntamento all’ingresso della Chiesa di Santa Maria Maggiore (Pietrasanta), lungo via dei Tribunali, ore 10.45 
PRENOTAZIONE OBBLIGATORIA – contributo di partecipazione 15 €,  il biglietto d’ingresso è incluso.
Una visita inedita alla scoperta dei segreti della Pietrasanta attraverso un percorso appena inaugurato che ci condurrà nella Cripta e nei sotterranei della Basilica.
Vi accompagneremo in un viaggio attraverso 2500 anni di storia fino a discendere nelle viscere di Napoli.
Il complesso, posto alle porte del decumano maggiore, comprende una serie di  monumenti di eccezionale rilievo come la Cappella Pontano, capolavoro rinascimentale con il bellissimo pavimento in maiolica del Quattrocento, la cappella del Santissimo Salvatore, il campanile romanico, il più antico di Napoli, con il suo caratteristico elevato in mattoni e i tanti frammenti di antichità utilizzati nella costruzione e infine la Basilica progettata dal Fanzago.
Da un punto di vista archeologico, già dall’esterno, si riconoscono i muri perimetrali di una delle insule della città greca e romana, ma discendendo nella cripta, si incontrano i fastosi resti di una domus decorata da preziosi mosaici.
Il percorso accompagnato da una serie di istallazioni multimediali, foto video e arricchito attraverso nuove tecnologie terminerà circa 40 metri sotto terra nelle cave della Pietrasanta scavate proprio per la costruzione della basilica.
Per contatti e prenotazioni*:
Prenota online su:www.archeologianapoli.com
*La prenotazione va effettuata esclusivamente attraverso i canali sopra elencati entro e non oltre le ore 19.00  del giorno  che precede l’evento. Bisognerà indicare il cognome, il numero di persone per cui si intende prenotare e un numero cellulare di riferimento.

Il Museo della follia. Goya, Bacon e Maradona

Share

Sabato 19 Maggio, ore 17.30

Il Museo della follia. Goya, Bacon e Maradona

Appuntamento presso Santa Maria Maggiore della Pietrasanta, lungo via dei Tribunali, ore 17.15
PRENOTAZIONE OBBLIGATORIA- Contributo di partecipazione 16 € incluso il biglietto d’ingresso alla mostra

 

Il Museo della Follia è un repertorio, senza proclami, senza manifesti, senza denunce”. Con questo incipit Vittorio Sgarbi, introduce la mostra in corso presso la Chiesa di Santa Maria Maggiore, detta della Pietrasanta. Un insieme di oltre duecento opere, in prevalenza lavori d’arte contemporanea a firma di autori italiani del Novecento. Non mancano nomi celebri  come  il lombardo Tranquillo Cremona, alla cui “Cleopatra” il curatore della mostra dedica anche un intenso testo personale, i napoletani Vincenzo Gemito, Michele Cammarano e Antonio Mancini e i rimandi al Settecento, alle origini dell’inquietudine moderna con Francisco Goya.

Un repertorio per il quale si è volutamente abdicato ad ogni tentativo di ordinamento razionale – cronologico o tematico che sia – e d’altronde non poteva essere altrimenti, visto che il tema della follia è così vasto da non poter essere affrontato in maniera esaustiva, tanto è immane la mole di documenti e riflessioni che la cultura occidentale ha prodotto su di esso, nel corso dei secoli. Il discorso sulla follia, oggi più che mai, deve essere affrontato e non rimosso. E se l’olandese Erasmo da Rotterdam tessé un celebre elogio filosofico della Follia, nel lontano 1511, con ArcheologiaNapoli avrete adesso l’occasione di esplorarne gli aspetti più inediti e suggestivi, a cominciare dallo stretto legame che intercorre da sempre tra il disagio mentale e la creazione artistica.

Per contatti e prenotazioni**:
3494570346 – info@archeologianapoli.com
Prenota online su: www.archeologianapoli.com

**La prenotazione va effettuata esclusivamente attraverso i canali sopra elencati entro e non oltre le ore 19.00  del giorno  che precede l’evento. Bisognerà indicare il cognome, il numero di persone per cui si intende prenotare e un numero cellulare di riferimento.

 

Alla scoperta dei “Tesori nascosti”

Share

 Sabato 8 Luglio, ore 18.30

Alla scoperta dei “Tesori nascosti”

Appuntamento presso Santa Maria Maggiore della Pietrasanta, lungo via dei Tribunali, ore 18.30
PRENOTAZIONE OBBLIGATORIA- Contributo di partecipazione 15 € comprensivo del biglietto d’ingresso alla mostra

L’interessante mostra “I Tesori nascosti. Tino di Camaino, Caravaggio, Gemito”, curata da Vittorio Sgarbi,  sarà ospitata fino al 20 luglio all’interno della Basilica di Santa Maria Maggiore della Pietrasanta a Napoli, recentemente restaurata con fondi Unesco.

L’esposizione  si pregia di oltre cento opere d’arte italiana dal Medioevo al Novecento; in un arco temporale di oltre sette secoli, si darà conto dell’evoluzione degli stili, delle correnti e degli snodi fondamentali della storia dell’arte italiana.

Sono esposti dipinti e sculture di proprietà di fondazioni bancarie, istituzioni e collezionisti privati non esposti nei musei pubblici, con l’obiettivo di valorizzare, come indica il titolo stesso, un patrimonio artistico “nascosto” e approfondire la peculiare e complessa “geografica artistica” italiana attraverso le opere di Tino di Camaino, Teodoro d’Errico, Giovanni Lanfranco, Gemito ci sono infatti anche opere di Saverio Ierace, Giuseppe Ribeira, Luca Giordano, Francesco Solimena, Antoon Smick Pitloo, Filippo Palizzi, Domenico Morelli, Giorgio de Chirico, Giorgio Morandi, Antonio Ligabue e tanti altri.

Per contatti e prenotazioni
infoline: 3494570346
email: info@archeologianapoli.com
Prenota direttamente su: www.archeologianapoli.com

 

Per contatti e prenotazioni
infoline: 3494570346
email: info@archeologianapoli.com
Prenota direttamente su: www.archeologianapoli.com

 

 

L’archeologia di Neapolis. Sulle tracce della Napoli greca e romana

Share

Domenica 25 settembre, ore 10.30

L’archeologia di Neapolis. Sulle tracce della Napoli greca e romana

PRENOTAZIONE OBBLIGATORIA- contributo di partecipazione € 8 a persona  (nel contributo di partecipazione NON è incluso il Biglietto d’ingresso agli scavi di San Lorenzo)
Appuntamento a Piazza Bellini davanti alle Mura greche  ore 10.15

Si partirà dalle mura della città greca per arrivare sull’acropoli, passando per il decumano massimo alla ricerca dei resti dell’antica Neapolis. Saliremo sull’acropoli, visiteremo il tratto di cinta muraria meglio conservato, proseguiremo attraverso la porta fino al teatro per finire con la visita ai suggestivi scavi di San Lorenzo Maggiore, dove si percorrerà una strada romana con le botteghe dell’antico mercato di Neapolis.

L’eventuale ingresso agli scavi (facoltativo) costerà 7€ invece che 9€.

 

Per contatti e prenotazioni:
3494570346 – info@archeologianapoli.com
Prenota online su: http://archeologianapoli.com/itinerari/napoli.html

 

 

 

Napoli. Storie e Leggende

Share

Domenica 22 Marzo, ore 10.30

Napoli. Storie e leggende

PRENOTAZIONE OBBLIGATORIA – contributo di partecipazione 7 € (non è incluso il biglietto d’ingresso alla Cappella Sansevero)

Un percorso storico-leggendario tra sinfonie scolpite nella pietra, presenze demoniache, malocchio, aneddoti, curiosità, “pietre e pertusi”, Janare, diavoli, apparizioni, fantasmi e l’immancabile figura del “Principe Diavolo” Raimondo de Sangro Principe di Sansevero.

Napoli è uno dei luoghi dove realtà storica e tradizione leggendaria si intrecciano sino a diventare inestricabili e solo attraverso le storie e i racconti popolari si può ricostruire la storia, capire il carattere e l’essenza di questa incredibile città.

L’itinerario partirà da Piazza del Gesù (esoterismo, presenze demoniache e malocchio), per poi digerirsi verso piazza Dante (l’orologio)  e attraverso Port’alba (o’ pertus), passare per le mura di piazza Bellini (e’ pret’) e per l’interessante complesso della Pietrasanta (diavoli e pietre miracolose), fino a giungere al tempio iniziatico del Principe Diavolo, il Testamento di Pietra di uno degli intellettuali più geniali del Settecento napoletano, Il Principe di Sansevero.

 

Per contatti e prenotazioni
infoline: 3494570346
email: info@archeologianapoli.com
Prenota direttamente su:
http://archeologianapoli.com/itinerari/napoli.html